Categories

Search

La guerra dei bottoni

November 30th, 2004 by Tony

ja16.gif

Me lo chiedo sempre più spesso… ma dove si piazzano questi rigurgiti neo-femministi dell’ultima ora?

Che cosa vogliono queste novelle Giovanna d’Arco de noantri, pronte a scendere in piazza per valori irrinunciabili quali il vedere il proprio uomo che rammenda un colletto?

O meglio… queste erinni del nostro tempo nate nel secolo sbagliato, ce l’hanno un uomo? E se ce l’hanno, che vita di merda fanno questi poveracci costretti a subirsi una donna che riesce a fare un caso sociale dello svuotare la lavastoviglie?

Sono strano io, che a mia moglie che mi chiede di fare qualcosa in casa, non mi sognerei mai di dare una risposta del cazzo del tipo: “perché non lo fai tu, non è che ti sentirai meno donna, dopo”, oppure “guarda che non sono mica il tuo carpentiere”?

E’ strana lei, che si diverte a prendere in giro me per quella porta che sfrega contro il pavimento da due settimane, come mi diverto io a rinfacciarle quel bottone della mia camicia rimasto sul comodino per altrettanto tempo?

Sarà che noi sappiamo ridere sempre di tutto… sarà che per noi queste stupidaggini non sono importanti, ché i problemi della vita sono ben altri.
Sarà che io non ci vedo nulla di strano nell’usare quel “mi” che scandalizza così tanto le nuove pulzelle di Orleans, e trovo perfettamente normale dire grazie a mia moglie per la cenetta che “mi” ha preparato l’altra sera… certo che la cena era per tutti e due, ma che cosa c’entra?

Sarà che tutte le cose che ho fatto io negli ultimi due anni le ho fatte per lei. Tutte, anche quelle che lei non ha visto, perché magari in quel momento era a casa, o al suo lavoro, o a curarsi del nostro bambino. A fare qualcosa per me.

Saremo strani noi.

Posted in World Zap | 4 Comments »

And the nominees are…

November 24th, 2004 by Tony

A quale di questi tre mentecatti sarà assegnato il mio personalissimo Blog Award per il 2004?

finestraio.jpg__________Davide.gif__________Daniele.jpg

Posted in Il Blog | 13 Comments »

How Much Are You Worth?

November 23rd, 2004 by Tony

You are worth exactly $1,838,860.00

E voi? smily

Posted in Il Blog | 16 Comments »

Libri

November 22nd, 2004 by Tony

8804534842.jpg

E il sottotitolo qual è, “Dalla padella nella brace”? smily

Posted in World Zap | 6 Comments »

Incontri

November 19th, 2004 by Tony

Oggi, nel parcheggio del centro commerciale.

“Ciao! Scusa, posso rubarti cinque minuti?”

“Certo, dimmi”

“Faccio parte di una comunità di recupero tossicodipendenti, ecc. ecc… quello che facciamo è raccogliere dei punti lavoro in cambio di alcuni piccoli prodotti che vendiamo… ovviamente ti chiedo un piccolo contributo per la nostra comunità, se alla fine dell’anno abbiamo raccolto abbastanza punti veniamo avviati ad un lavoro vero ecc. ecc… ecco, scegli due prodotti in cambio di un punto lavoro per me”

(Guardo nella cesta. Prendo un pacco di fazzoletti ed un bloc notes da tavolo)

“Bene, ti regalo anche questo…” (mi porge un altro oggetto che non ricordo)

“Ok. Quanto ti devo?”

“Un punto lavoro viene 16 Euro…”

(Raccolgo tutti gli oggetti e glie li restituisco)

“Scusa, 16 Euro per queste tre cose? No, guarda…”

“Ma non è il valore degli oggetti… è un contributo per darci una mano…”

“Sì ok, ho capito… ma scusa: io lavoro sul serio, non raccolgo punti. E per 200 ore al mese prendo circa 2.400 Euro, fanno 12 Euro per un’ora di lavoro. Tu mi hai parlato per 5 minuti e ne vuoi 16? Quasi quasi ci vengo anche io, nella tua comunità…”

(La ragazza appare molto contrariata. Prende il terzo oggetto e lo rimette nella cesta, poi mi porge di nuovo i fazzoletti e il bloc notes)

“Mezzo punto, dieci Euro. Dai, su.”

(Le porgo dieci Euro, prendo gli oggetti e salgo in macchina)

“Ciao”

“Ciao”

Posted in Life | 9 Comments »

Industrialese

November 19th, 2004 by Tony

Mi fa impazzire questa mania dei dirigenti d’industria, che per sembrare istruiti usano parole difficili… ovviamente quasi sempre senza senso o fuori contesto.

Alcuni esempi eclatanti, presi pari pari dal frasario del mio capo:

“Sì, capisco la sua problematica…”
“La soluzione che le propongo è molto più semplicistica…”

Ma un paio di giorni fa ho sentito il peggio del peggio. Mi chiama un fornitore, a cui avevo richiesto una quotazione:

“Guardi, secondo me il rivestimento del condotto va fatto in mattoni… se vuole posso offrirle il rivestimento in cemento refrattario, ma diventa emblematico…”

E’ andato avanti per dieci minuti buoni, infilando quella parola in ogni frase… in che cazzo di modo un rivestimento in cemento può risultare “emblematico”?

Non ho osato chiederglielo. smily

Posted in People I Know | 2 Comments »

Ode to my Webmaster

November 16th, 2004 by Tony

Ma quanto è brava la mia Webmaster, che è riuscita a mettermi sul blog la classifica dei post più commentati?

Che donna… smily

Posted in Il Blog | 5 Comments »

Cabrones

November 11th, 2004 by Tony

Spagna merda.jpg

Questo articolo è apparso oggi su AS, sedicente quotidiano sportivo spagnolo.
Argomento: il derby tra Messina e Palermo.

“II terrone, la tierra de la mafia, la omertá, la pasta y la mamma, disputa hoy su derby más pasional: Messina-Palermo (…) El partido ha sido declarado de alto riesgo por las autoridades sicilianas, temerosas de que, amparándose en el derby, se produzcan vendette (venganzas) entre familias mafiosas y los ultras de ambos clubes (…) La historia del derby está plagada de connotaciones políticas y de dirigentes supuestamente ligados a la mafia.”

Ora, che gli spagnoli siano un popolo ignorante quanto presuntuoso, è cosa nota a tutti.
Che sappiano esprimere il peggio di sé stessi in particolare quando si parla di calcio, anche.
Eppure, ogni volta che mi capita di assistere a certe vergognose manifestazioni di razzismo anti-italiano, mi viene sempre in mente la storia del corvo che dice al merlo che è nero.

Miraos vosotros, capullos.

Update: del fatto ha parlato anche Harry, a cui mi permetto di rubare una frase…
“s’è mai visto un giornale italiano parlare, in occasione della partita fra Real Sociedad e Athletic Bilbao, di «derby dell’Eta»?”

Posted in World Zap | 21 Comments »

1985

November 9th, 2004 by Tony

Senza nome.jpg

She hates time, make it stop
When did Motley Crew become classic rock?
And when did Ozzy become an actor?
Please make this stop
Stop!

And bring back
Springsteen, Madonna
Way before Nirvana
There was U2 and Blondie
And music still on MTV
Her two kids in high school
They tell her that she’s uncool
But she still preoccupied
With 1985…

Cacchio, non ero mica preparato a questo.

La radio che, tra “Video killed the radio star” ed il nuovo (sic) singolo degli Swing Out Sister, annuncia l’uscita del cofanetto DVD del Live Aid?

Il nuovo album degli Europe nello scaffale delle novità (sic) al Media World?

La faccia da culo di Simon Le Bon su MTV 24 ore al giorno?

Certo che ai nostri tempi la musica era tutta un’altra cosa. smily

Posted in Musica | 4 Comments »

“State zitti, stronzi!!!”

November 7th, 2004 by Tony

ico-blogfest2004-big.jpgBella serata, ieri sera.

Il solito gruppo di amici vecchi e nuovi… io e la Gatta, Greta e Francesco, Matteo, Mirko, Anna, Gaspare, Lorenza, Daniela, Marco, Viviana e Andrea. Forse un po’ “fuori posto”, nell’ambiente generale della festa, ma proprio per questo ci siamo divertiti come dei pazzi.
Come sempre, d’altra parte.

Ah, e poi c’era la presentazione del libro… ma quella preferirei dimenticarla. In particolare il soporifero intervento di Tiziano Scarpa, che era evidentemente convinto di essere al cospetto di una platea di imbecilli che si lasciano impressionare da un’accozzaglia di luoghi comuni e frasi fatte, raffazzonate insieme in maniera del tutto casuale.

O gli interventi degli autori, una collezione di frasi confuse e aneddoti di scarso interesse di fronte ai quali la soglia di attenzione del pubblico è andata rapidamente calando… fino al momento topico, in cui una blogger di cui non conosco il nome ha cercato di riguadagnare l’attenzione dei presenti dandogli degli stronzi.

L’intera situazione mi ha ricordato le mattine in palestra a scuola, per le assemblee plenarie del consiglio d’istituto… quando i poveri rappresentanti cercavano invano di attrarre l’attenzione degli studenti, o perlomeno di convincerli a fare silenzio. Mentre attorno a loro tutti continuavano a farsi bellamente i cazzi propri senza dargli ascolto.

Poi magari il libro è anche bello, mica no.
Ma se prima avrei potuto avere un minimo di curiosità su di esso, dopo ieri sera mi è sicuramente passata.

Posted in Io e la Gatta | 8 Comments »