Categories

Search

Impressioni sul film…

November 27th, 2001 by Tony

UN MONDO DIVERSO E’ POSSIBILE

Eccolo finalmente il famigerato film. Ecco la verità sui fatti del 19, 20 e 21 Luglio. Ecco le immagini mai viste. Ecco quello che “LORO” ci hanno nascosto per buttare infamia sul movimento pacifista e coprire le LORO infami repressioni. Cominciamo dall’inizio. Per precisione indico il minutaggio del film.

02’04” Stazione Brignole. L’arrivo dei manifestanti. Il Forum pre-manifestazione.

06’21” Stadio Carlini. I manifestanti si preparano. Si approntano gli scudi per difendersi dalle violenze indiscriminate della Polizia, decisa a reprimere il dissenso. Ancora Forum. Ancora scudi.

09’08” Piazzale Kennedy. Inizia il corteo dei migranti. Quello di Giovedì 19 Luglio. Quello in cui non ci fu nessuno scontro. Immagini splendide. Si canta, si balla, si prega, si fa teatro. Nessuno tira pietre. Nessuno spacca vetrine. Nessuno cammina con gli scudi. Il G8 deve ancora iniziare.

21’25” OK, OK, tutto molto bello, ma io cerco la verità sugli scontri. Voglio vedere come e dove sono iniziati. E soprattutto PERCHE’. Voglio capire la storia di Venerdì 20 Luglio. Voglio capire perché la mia città è stata messa al sacco. Perché una persona è stata uccisa in mezzo alla strada.

Le immagini seguenti mi fanno capire che il film non è montato in sequenza cronologica. Vediamo prima il corteo camminare in Corso Italia in direzione Ponente (quindi è già Sabato), poi cantare “Bella Ciao” in Piazza della Vittoria (quindi è di nuovo Giovedì), poi di nuovo alla Foce (Venerdì, o Sabato), poi in Corso Saffi in direzione Ponente (Giovedì), poi in Corso Italia (Sabato)… avanti così per i seguenti 15 minuti, fino al concerto di Manu Chao.

36’00” Inizia la seconda parte del film, quella sulle violenze. Finalmente capiremo.

Inizia con i Black Bloc davanti alle gallerie di Via Tolemaide. Quindi è Venerdì pomeriggio, circa un’ora prima della morte di Giuliani.

Anche qui le immagini non sono in ordine cronologico, si passa da Venerdì a Sabato, da Via Tolemaide, a Piazza Rossetti, a Corso Torino. Poco importa, basta che scopriamo la verità.

36’40” Di nuovo Sabato in Piazza Rossetti, la distruzione dei negozi sotto i portici. Subito vediamo dei Carabinieri (riconoscibili dallo stemma con la fiamma sull’elmo) che non intervengono… perché? Forse perché Sabato in Piazza Rossetti i Carabinieri non c’erano, infatti dopo il casino di Piazza Alimonda di Venerdì furono messi in retrovia per evitare rappresaglie…

E i Poliziotti, perché stanno lì a fumarsi una sigaretta, invece di intervenire? Guardate lo sfondo… PERCHE’ SI TROVANO IN PIAZZA ALIMONDA, IL GIORNO PRIMA, SUBITO DOPO LA MORTE DI GIULIANI.

Poi ancora dei Carabinieri schierati… e neanche loro intervengono per fermare la distruzione di Piazza Rossetti. E grazie al cazzo, sono davanti alle grate alla Spianata dell’Acquasola (notare il grattacielo della Telecom sullo sfondo), a circa 4 chilometri di distanza… e perché non intervengono qui, invece di chiacchierare con un manifestante che ha tutta l’aria di essere un Black Bloc? Mah, forse perché in questa zona non è successo un bel niente…

37’40” Il sit-in della Rete Lilliput in Via Assarotti, davanti alle grate che chiudono Piazza Corvetto. E’ qui che i poveretti sono stati malmenati dalla Polizia, giusto? La sequenza dura 50 secondi, durante i quali che cosa succede ai malcapitati? UN BEL NIENTE.

38’30” Ecco, ecco, la Polizia li carica. Peccato che qui ci troviamo in Corso Buenos Aires, a circa 6 km di distanza.

39’07” Corso Torino e Via Tolemaide. Venerdì. Diversi manifestanti trascinati via dalla Polizia e picchiati. Nella stessa sequenza (già trasmessa dai TG proprio il 21 Luglio) si vedeva l’incendio del blindato dei Carabinieri. Le barricate con i cassonetti della spazzatura. Il lancio di molotov e sanpietrini. I poliziotti presi in mezzo dai manifestanti (la famosa banda del Pierrot). Dove sono queste immagini? NON CI SONO. Forse sono state tagliate per motivi di spazio…

40’30” Ecco la famosa sequenza di Piazza Alimonda. Finalmente faremo luce su quello che è veramente successo… MA COSA… LA SEQUENZA INIZIA CON GIULIANI GIA’ A TERRA MORTO!!!! Dove sono le immagini dell’assalto alla camionetta? Dove sono i manifestanti che inseguono i carabinieri in ritirata per due isolati??? NON CI SONO. Lasciamo perdere. Spengo.

E questa sarebbe la verità? Le immagini mai viste che ci rivelano quello che è veramente successo?

A parte le immagini (alcune bellissime) dei manifestanti in festa, ho visto scene già viste, tagliate e montate ad arte. Ho visto una censura di stampo ventennio.

Meno male che la maggior parte di noi ha già visto che cosa è successo veramente. Perché se questo fosse davvero l’unico documento disponibile, altro che regime Talebano.

E’ questo il mondo diverso possibile? Tenetevelo, grazie. Anzi, andateci voi. E spero che i Black Bloc vi seguano anche lì.

Posted in World Zap | No Comments »

Ottawa

November 20th, 2001 by Tony

Avete visto fino a che punto sono arrivati Berlusconi e Scajola?

Per continuare nel loro subdolo piano di “colpevolizzare il movimento anti-global”, hanno inviato alcuni agenti di Polizia Italiani, travestiti da Black Block, al summit di Ottawa a sfasciare vetrine ed incendiare macchine.

Accidenti, che cosa ci tocca vedere…

Posted in World Zap | No Comments »

E adesso???

November 16th, 2001 by Tony

E adesso, cari i miei “pacifisti” della Domenica?

Adesso che in 5 giorni l’Alleanza del Nord ha ripreso il controllo dell’Afghanistan praticamente senza colpo ferire? Adesso che i Talebani sono scappati con la coda tra le gambe senza opporre alcuna resistenza al nemico?

Evidentemente i bombardamenti Americani non avevano colpito solo civili, se l’esercito Talebano non è stato minimamente in grado di contrastare un avversario di gran lunga inferiore in numero ed armamenti… da 6 anni l’Alleanza combatteva sul fronte Settentrionale, senza essere in grado di avanzare un centimetro. In 5 giorni si è ripresa l’Afghanistan. Forse le bombe sono servite a qualcosa…

Ma questo voi non lo direte mai. Come non lo avete detto due anni fa dopo la guerra in Serbia, quando siete partiti tutti inni e bandiere, per rintanarvi due mesi dopo con la coda tra le gambe.

Premesso che la guerra ai Talebani è lungi dall’essere finita, e men che meno la guerra al terrorismo, pensate ancora che l’intervento Americano non avrebbe prodotto alcun effetto, altro che uccidere civili innocenti?

Avete visto la gente a Kabul, a Jalalabad, a Mazar-i-Sharif, che festeggiava, come festeggiavano i nostri padri, madri, nonne, nonni, davanti alla ritirata dei nazi-fascisti? Di sicuro il loro futuro è incerto, probabilmente non roseo, ma di sicuro essere usciti dalla merda Talebana ha ridato la speranza ad un popolo che ha sofferto troppo. Che soffre da vent’anni, altro che un mese di bombardamenti.

Loro hanno scelto che cosa vogliono per il loro paese ed il loro futuro. Voi?

Posted in World Zap | No Comments »