Categories

Search

L’acqua calda

October 19th, 2003 by Tony

Il mio non è un blog che parla di blog. Questo è un impegno a cui mi permetto di contravvenire oggi e solo oggi. Ma è Domenica pomeriggio, sono in ufficio e fuori dulivia. Tropico del cazzo.

Ci sono un sacco di post “morti”; bella scoperta.
Ce ne sono invece un sacco di altri “vivi”; altra bella scoperta.

Posso solo dire, e me lo sono tenuto dentro già per troppo tempo, che in generale i blog non mi affascinano. Non in quanto tali, ma solo perchè non ho tempo.

Frequento i Forum da circa due anni, e ho conosciuto un sacco di gente. E adesso non ho abbastanza tempo per mettermi a conoscerne di nuova. Non a questo livello, a questa profondità, e il blog è uno strumento che non può essere usato con superficialità. O lo usi per entrare VERAMENTE nell’animo delle persone che leggi, o diventa come guardare la televisione, come leggere il giornale.

La maggior parte dei blog sono “personali”… sono troppo personali. Non leggi argomenti, leggi delle persone vere. E se li usi come passatempo per le poche ore che hai a disposizione, se non entri a far parte in tutto e per tutto della cosiddetta “comunità”, rimani un freddo spettatore.

Non a caso, il 90% dei blog che leggo sono quelli delle persone che conosco già. Gli altri non me ne vogliano, ma non ci riesco proprio a seguirli. Sarà sete di conoscenza che non posso soddisfare, non lo so. Ma come ho detto, non ho tempo.

Le nuove situazioni nella mia vita devo farle entrare una alla volta. E in giro per i blog, c’è tanta roba. Troppa. Non ho neanche il tempo per cercare di selezionarla, beato chi ci riesce. E quindi sono costretto ad usare un criterio elementare, magari semplicistico ma efficace.

Chi conosco già è dentro, chi non conosco è fuori. Draw the line.

Ho detto qualcosa di sconveniente?

Posted in Il Blog | 5 Comments »

5 Responses

  1. gattostanco Says:

    No, non credo tu abbia scritto qualcosa di sconveniente. Hai descritto il tuo rapporto coi blog, e non mi sembra negativo. …Leggere tutto è impossibile. Fare propri e appassionarsi tutti i blog interessanti e che potrebbero piacere è impossibile. Del resto non credo ci sia nulla di negativo nel leggere dei blog come se fossero dei giornali e cercare d’approfondirne altri. …Proprio la gestione del tempo personale è il fondamento della “visione” della propria blogosfera. Se da un lato la curiosità spinge sempre oltre, dall’altro il crearsi di relazioni interpersonali tra blogger (oltre che “interblogiche”) richiede tempo. Immancabilmente il tempo da dedicare a soddisfare la curiosità di nuovi incontri si scontra (passami il gioco di parole) con quello che viene assorbito (felicemente, direi) dal mantenimento dei vecchi rapporti già acquisiti. Questo avviene nei blog come nella realtà, io credo. …Non penso, quindi, che tu abbia fatto affermazioni “sconvenienti”. … Piuttosto ritengo che si possa essere all’interno di una comunità e al tempo stesso essere un “freddo lettore” di altri blog. Ad esempio io leggo blog che sono, per così dire, all’interno di una comunità, se non un centro vero e proprio di tale comunità. Trovo soddisfazione e continui stimoli senza per questo sentirmi escluso. O meglio, sono certamente escluso dalla comunità :) , ma non per questo credo sia un aspetto negativo il mio essere un “freddo” (inteso come “non partecipativo”) lettore. …mi sono dovuto interrompere ben tre volte nello scrivere questo comento, forse ho fatto un po’ di confusione, comunque si dovrebbe coprendere il mio punto di vista…

  2. Skylark Says:

    Vero, c’è troppa roba in giro. All’inizio leggevo solo i blog delle persone conosciute sul forum, poi ho cominciato ad allargarmi a quelli che mi offrono qualche motivo di interesse. La selezione è difficile; per quanto mi riguarda, è severa, perché la lettura dei blog porta via un sacco di tempo. Ma quest’acqua calda che hai messo nel titolo, scorre in senso orario o antiorario?

  3. IceMike Says:

    Niente di sconveniente. Molto personale, soggettivo. Hai detto cosa leggi e perchè. E l’unica cosa che si evince dal tuo post è che l’interpretazione che hai dato al mio (e forse anche a quello di Spiritum)è completamente diversa da ciò che ci ha spinto a scrivere. Sta qui, secondo me, la “vita” di un post. La verità sta negli occhi dello spettatore. Di ogni spettatore, che ognuno ha il suo motivo ed il suo modo di vivere cose che sembrano uguali per tutti. Mi scuso per la scontatezza, comunque. Per quanto sentito, e quindi vivo, era di certo un post gratuitamente scontato.

  4. Skylark Says:

    A proposito, ci ho fatto caso solo ora: era “Tropico del cancro”, non “del cazzo”. O stai leggendo un inedito?

  5. Tony Says:

    Sky, in realtà la Nuova Caledonia si trova sul Tropico del Ca…pricorno, per essere precisi. :D

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.