Categories

Search

11 Settembre: il giorno dei pappagalli

September 11th, 2003 by Tony

Era già successo due anni fa, era già successo l’anno scorso. L’11 Settembre si aprono le gabbie ed escono i pappagalli.


Quelli che ci raccontano la “loro” versione degli attentati di New York e Washington. Quelli che pensano di avere la “verità” in tasca per via di qualche cazzata che hanno letto su Internet.

Quelli che affermano di “pensare con la propria testa” e di “non credere a quello che raccontano i media”… eppure le loro deliranti ipotesi di complotto si rifanno sempre ad un link, ad un documento, ad un libro, scritto da qualcun altro.

Quelli che affermano di “non credere alle apparenze” e di “voler andare fino in fondo alla verità”… eppure le incredibili bufale che tirano fuori sono ancora le stesse che avevamo sentito tutti due anni fa, già pochi giorni dopo gli attentati.

E soprattutto… quelli che affermano di “sapere la verità”, mostrando invece di non sapere nulla. Perché di tutti quelli che hanno messo in giro le loro favolette di fantapolitica, di CIA, di oleodotti sul Mar Caspio, ancora oggi, a due anni di distanza dagli attentati, NESSUNO ha mai provato a darci la sua versione di quello che è successo veramente quel giorno.

Perché è proprio lì che i pappagalli si tradiscono. Nello smontare i resoconti sull’esecuzione materiale dell’attentato, “dimenticano” di fornirci una versione alternativa a quella che negano.

Allora… secondo alcuni è impossibile che gli attentatori fossero stati identificati così presto, in quanto secondo loro “non erano sulle liste passeggeri degli aerei dirottati”… queste persone evidentemente non hanno mai preso un aereo in vita loro, altrimenti saprebbero che un aereo non è un autobus su cui sale chi arriva primo. Se non sei sulla lista passeggeri, non sali.

Altri affermano che gli attentatori non sarebbero stati in grado di pilotare quegli aerei, in quanto non avevano abbastanza perizia, non erano sufficientemente addestrati.

E allora, se secondo loro gli attentatori non erano sugli aerei, oppure non li pilotavano, chi ha mandato gli aerei a schiantarsi sulle Twin Towers? I piloti stessi? Bene, gli equipaggi dei quattro aerei dirottati avevano tutti un nome ed un cognome… forza, qualcuno ci racconti di come questi piloti fossero in realtà degli spietati assassini/suicidi assoldati dalla CIA, scelti tra gli insospettabili piloti di due compagnie aeree, e che casualmente erano assegnati proprio a quei voli proprio quel giorno.

O magari chissà? Forse la CIA, per essere sicura di non fallire, aveva assoldato tutti i piloti delle due compagnie… immagino che sia molto facile trovare degli uomini disposti ad uccidere sé stessi più altre 3.000 persone, tra i piloti di jet.

Altri ancora ci portano le loro “prove” che il Pentagono non fu colpito da un aereo, ma dilaniato da una bomba. Anche loro ovviamente “dimenticano” un piccolo dettaglio: che fine ha fatto il volo AA 77 e le 64 persone che erano a bordo? Anche loro erano agenti della CIA?

E avanti così, un mucchio di mezze storie fatte di ignoranza, di disinformazione, di falsità. Come la stupidaggine sentita ancora di recente, che la rete terroristica Al Qaeda non era mai stata sentita da nessuno prima dell’11 Settembre. Eppure a Marzo del 1999 il Presidente Clinton aveva ordinato dei raid aerei sui covi di Bin Laden proprio in Afghanistan, dopo gli attentati alle ambasciate Americane di Nairobi e Dar-Es-Salaam.

O addirittura, che l’11 Settembre morirono “solo” 3.000 persone perché la maggior parte di quelli che lavoravano nelle Twin Towers non erano al lavoro quel giorno, segno che si sapeva in anticipo dell’attentato. Certo, una prova inoppugnabile, se non fosse anche questa una bufala. Più di 30.000 persone uscirono vive dalle Torri, quel giorno.

Ma la cosa più vergognosa sono i commenti sul rapporto pubblicato dalla commissione del Congresso a Luglio di quest’anno… commenti non solo ancora una volta pieni di stupidaggini, ma soprattutto non richiesti. Commenti basati sul malinteso nato in mala fede, che la commissione fosse chiamata a rispondere al mondo (e non al popolo Americano) sui fatti dell’11 Settembre.

Pensateci… se qualcuno di noi osasse criticare il Governo Giapponese per non essere stato in grado di evitare Hiroshima, il popolo Palestinese per non aver saputo evitare il massacro di Sabra e Shatila, la comunità ebraica per non aver evitato l’olocausto, sarebbe immediatamente chiamato con il suo nome: un patetico ignorante. Gli verrebbe solo detto di vergognarsi.

E invece, secondo alcuni, gli Stati Uniti d’America dovrebbero rendere conto al resto del mondo di un attacco subito da essi, dello sterminio della propria gente da parte di altri. Dove sta la logica in questo?

L’11 Settembre 2001 ci furono sicuramente negligenze nell’apparato di sicurezza degli Stati Uniti, questo non ha bisogno di essere dimostrato.
Ci furono connivenze, complicità interne? E’ probabile, vista l’entità dell’attentato, ma è da dimostrare.
Ci fu un disegno doloso premeditato da parte degli stessi Stati Uniti? Qualcuno pensa questo? Bene, allora ci spieghi come è successo. Come questo disegno fu messo in opera e da chi. Non PERCHE’, ma COME.

Perché alla fine il problema dei pappagalli è proprio questo. Le loro fandonie si scontrano con una verità che è impossibile negare. Che l’11 Settembre 2001, furono assassinati 3.000 civili innocenti. E nessuna delle loro deliranti teorie potrà mai prescindere da questo.

Posted in World Zap | 11 Comments »

11 Responses

  1. Tripudiatore Says:

    Il pappagallo più grande che conosca sei tu. Di buono c’è che ripeti te stesso (principalmente, ma non solo), di brutto c’è che diventi noioso… Salüt! PS: Aumentano gli accessi con questi post??? :D

  2. Tony Says:

    Aumentano? Non direi, visto che è rimasto per quattro giorni senza neanche una risposta. Comunque grazie per il tuo contributo alla discussione, hai espresso dei concetti veramente preziosi…

  3. Black Cat Says:

    Ti ho detto che dovevi pubblicare la foto del … vedi, Trip adesso e’ una celebrita’ e tu sei rimasto nel limbo dei blog :D

  4. tripudiatore Says:

    Beh, tu che hai aggiunto più di quanto non sia già stato detto da altre mille persone prima di te, e mille volte da te stesso prima? E’ un blog: si dovrebbe scriverci prima per se stessi, e poi per gli altri. Evidentemente tu non la vedi così, o non solo. “Qualcuno”: qualcuno CHI? Chi ha mai detto che era passato troppo poco tempo per identificarli? Chi ha detto che i dirottatori non avevano sufficiente perizia? Tu sei l’uomo dei mille files e dei mille records: da te questo “qualcuno” non dovrebbe esistere, dato che contesti ogni cosa dicano gli altri punto per punto citando fonti e dati. E sei il primo a non usarli, quando non aiutano forse la discussione o non supportano “quantitativamente” il tuo punto di vista. Ho aggiunto ora? :D

  5. tripudiatore Says:

    PS: Va da se che questa qui sotto è una provocazione (anche se la metà delle cose che scrivi tu, e non solo quelle citate, non le ho mai sentite neppure dall’ultimo antiamericano o semplicemente cerebroleso di mia conoscenza…). Ma ogni tanto anche a te stanno bene.

  6. Tony Says:

    Che palle, Trip… vuoi sapere “chi” lo ha detto? Cito da http://it.geocities.com/ comedonchisciotte/wta3.html “Nel giro di pochi giorni tutti i dirottatori furono identificati e i loro volti mostrati in TV”… “Ma come è possibile che studenti arabi, che non avevano mai pilotato un aereo ma solo studiato su simulatori di volo, siano stati in grado di pilotare un jumbojet e con tale precisione? E infatti questo è impossibile e chi realmente pilotasse gli aerei rimane un mistero”. Fatti una semplice ricerca con Google, parole chiave “passaporto”, “pilotare”, “torri gemelle”… sarai travolto da uno STORMO DI pappagalli. Non svegliare il can che dorme, la prossima volta.

  7. Tony Says:

    Ovviamente devi togliere lo spazio dal link, l’ho messo perchè mi “allargava” il blog. Una precisiazione… dei DODICI links diversi che ho letto stasera, tutti che affermavano che gli attentatori identificati non potevano essere in grado di pilotare un aereo, NESSUNO di essi ci dice chi li pilotava se non loro…

  8. Tripudiatore Says:

    Anche io se vado al CSE qualche pazzo lo trovo. Che dimostra? Dai su, che cazzo di fonti sono? La prossima volta io per dimostrare che Elvis Presley è ancora vivo vado in un ospedale psichiatrico e convincpo il primo poveretto a dire che è lui. Tony, rimani pure a cuccia :D

  9. Tony Says:

    “Che cazzo di fonti sono”??? Sono proprio i pappagalli di cui parlavo nel post. Cosa vuoi dirmi, che non sono attendibili? Bene, è proprio quello che volevo dire con il mio messaggio. In parole povere, stai dicendo che ho ragione… hai sprecato tanto fiato per dirmi questo? Ciao Trip.

  10. Tripudiatore Says:

    Ci risiamo: ricomincia a giocare. Il discorso è partito che tu ripeti sempre le stesse cose, quando parli di “sociale” o “politica”. Cmq siamo alle solite… Comunque hai ragione tu: ti sto dando ragione, dicendo che hai aperto un thread dal tono incazzato e polemico per incazzarti e polimizzare con tre gatti (ogni riferimento a mogli o fidanzate è puramente casuale :D) che non rappresentano niente. Chiedo scusa, è solo che non èmia abitudine prendere spunto da due cazzate per imbastire un ragionamento piuttosto serio come il tuo. Pardon. PS: Le fonti che ho trovato con google son quasi tutte vecchiotte, non ho trovato un granché di queste ipotesi in tempi recenti… Ciao tony, porta la macchina digitale venerdì: da notevoli vantaggi, lo sapevi? :D

  11. Tony Says:

    Beh, perlomeno siamo d’accordo sul fatto che sono tutte cazzate. Alla fin fine è questo che volevo dire con il mio post. Che siano “tre gatti che non rappresentano niente” non saprei… la bufala della bomba sul Pentagono ad esempio è stato l’oggetto di un best seller.

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.