Categories

Search

Il gioco delle coppie

August 1st, 2003 by Tony

Rolli ci racconta di come il Sig. Giuliano Giuliani, padre del “compianto” Carletto, si sia autonominato “portavoce di tutti i caduti nelle stragi e negli incidenti di piazza”, mettendo bocca in questioni quali la commemorazione dei morti della strage di Bologna.

Quindi dobbiamo accomunare un criminale, ucciso dalle Forze dell’Ordine mentre stava partecipando ad un’aggressione, alle vittime del terrorismo, in ragione del fatto che in entrambi i casi si tratta di persone morte “in piazza”?

Secondo lo stesso “ragionamento” allora potremmo accomunare Adolf Hitler con un bambino Afghano. D’altra parte tutti e due sono morti in un’azione di guerra…

E magari Sacco e Vanzetti con Charles Manson, ambedue condannati a morte…

Un boss mafioso e Giovanni Falcone, ambedue uccisi in un attentato di mafia…

E perchè no, Lady Diana ed Ayrton Senna.

Non c’è proprio fine alla vergogna…

Posted in World Zap | 7 Comments »

7 Responses

  1. Tripudiatore Says:

    Su questo sono assolutamente d’accordo…

  2. Sonic Says:

    Quella di Giuliano Giuliani e di sua moglie sono due reazioni opposte e parallele alla morte del figlio. Lui ha alzato la bandiera, spesso a sproposito, e lei, dopo una partecipazione iniziale, si è chiusa (giustamente) nel suo silenzio. Sono genitori. Mi chiedo come vivano la loro vita di tutti i giorni. E come vivano (o abbiano vissuto) i genitori di Placanica.

  3. jpm3 Says:

    [ot] tony hai auvuto il tuo contentino suca 8===D ehehehehe

  4. Tripudiatore Says:

    Sicuramente i genitori del Carabiniere hanno vissuto meglio di come abbiano vissuto i genitori di un figlio morto. Ed il tuo paragone fa pena, a dir poco… Placanica, innocente o colpevole, ha sempre avuto il beneficio del dubbio, che poteva dare cmq sollievo nonostante la vicenda in cui è stato implicato. Un figlio morto è morto e basta, non concede appelli ed appigli: purtroppo ne so qualcosa.

  5. Sonic Says:

    Non intendevo fare paragoni fra come hanno visttuto i genitori di giuliani e quelli di Placanica, il mio era un rafforzativo. Certo che come salti alla gola tu, Trip…

  6. Tony Says:

    Ecco, questa e’ un’altra cosa che mi irrita… questo porre come argomentazione “a favore” di Giuliani il fatto che e’ morto. Questo “rispetto per la morte” tirato fuori a comando solo quando fa comodo per le proprie argomentazioni. Come quei vermi che due settimane fa erano qui a Genova a “commemorare” in rispettoso silenzio, e invece oggi a Bologna sono andati a fare caciara senza alcun rispetto delle vittime che venivano ricordate.

  7. tripudiatore Says:

    Salto alla gola? Sfido chiunque ad intendere la tua frase in altro modo da quello in cui l’ho intesa io… Tony, ti ho già detto mille volte che “si, è vero, Giuliani è stato un teppista”. Che vuoi che ti dica di più? Posso dire che però l’essere stato accoppato è una punizione troppo grande? Posso, o ti irrita il fatto che per qualcuno la vita di un uomo, che con quell’estintore non avrebbe accoppato nessuno (perchè i carabinieri nella jeep non poteva accopparli, dato che erano cmq riparati dentro alla camionetta…), vale parecchio. Molto, anzi moltissimo? Poi si dice che non sia successo apposta. Spero, e ci voglio credere. Ma però i teppisti hanno rovinato una manifestazione che per la maggior parte del tempo era pacifica, ed aveva un senso. Puoi essere d’accordo o meno, ma è così. E tu comtinui a parlare solo dei vandalismi accaduti. Voglio un post ogni domenica dopopartita allora, e lo voglio ripetuto 12 mesi l’anno, per ricordare… Tony, buone ferie bastardo! :D

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.