Categories

Search

Mi dispiace…

July 22nd, 2001 by Tony

Sì, mi dispiace che di tutti i teppisti e rifiuti della società che hanno invaso Genova, ne sia stato ucciso uno solo.

Se dipendesse da me, il carabiniere che ha sparato dovrebbe ricevere una medaglia. Vorrei dire una cosa, che è quella che mi disturba di più… se il carabiniere non avesse sparato e si fosse lasciato massacrare, tutti i “pacifisti” si sarebbero dissociati da quella teppa con l’estintore in mano. Tutti avrebbero detto: “non c’entra con noi, era sicuramente un black blocker, probabilmente straniero”. Visto che invece ha avuto quello che si meritava, è diventato un martire, una vittima “innocente”, un simbolo della protesta “non violenta”.

Beh, io penso che un martire sia una cosa diversa. Quel “povero ragazzo”, come l’hanno chiamato, è morto come la teppa che era. Con il passamontagna sulla testa, brandendo un’arma con l’intento di uccidere. Un coniglio, che si è fatto forte solo perché si è trovato nel mezzo di una linciaggio, di un confronto trenta contro due.

E di quei trenta che colpivano i due carabinieri già feriti, nessuno mi è sembrato un black blocker.

Posted in World Zap | 39 Comments »

39 Responses

  1. Roby Says:

    E comunque, se quel carabiniere non avesse sparato, oggi piangeremmo la sua morte. Meglio così…

  2. Skylark Says:

    Scrivo questo commento al solo fine di stabilire un record. Ho notato che c’è chi commenta post vecchi di mesi. Be’, con questo commento stabilisco il record del commento al post più vecchio del blog. Forse ne stabilisco anche un altro, quello del commento più inutile, ma il punto è controverso. Nell’incertezza, non voglio fare il presuntuoso e quindi non mi arrogo anche questo record.

  3. Blondi Says:

    beh batto entrambi i record di cui sopra. però vorrei dire che a distanza di un anno e mezzo, concordo con il post che sto per l’appunto commentando ! :) ciao e complimentoni per il pupo.

  4. Falchi Says:

    Un no global in meno!W la polizia e i carabinieri!Per i no global:cercatevi un lavoro

  5. laragazzinacoicapellirossi Says:

    io a genova c’ero e non sono certo una persona violenta…non sai di che parli e faresti meglio a leggerne e provare a capire di più piuttosto che questo banale commento berlusconiano che fa di tutta l’erba un fascio…e comunque,trovo rivoltante il fatto che daresti una medaglia a una persona che ne ha uccisa un’altra,chiunque esse siano,o comunque rivoltante il fatto che tu lo dica con tanta tranquillità

  6. Tony Says:

    Redhead, non mi sembra di aver scritto che tutte le persone che erano a Genova fossero violente. Ti ringrazio per le letture consigliate, ma non ne ho bisogno… a ricordarmi quello che successe tre anni fa mi basta la vista dei negozi distrutti in Piazza Rossetti che non sono mai stati ricostruiti.
    Non so se Berlusconi condividerebbe quello che ho scritto, comunque il mio è un commento da Genovese. E quando l’ho scritto ero tutt’altro che tranquillo, per tua informazione.

  7. laragazzinacoicapellirossi Says:

    certe cose non dovresti proprio arrivarle a pensare, tranquillo o meno, in un mondo civile come lo intendo io, come,ovviamente, in un mondo civile non dovrebbero succedere atti di violenza urbana come quelli di genova,nè, ovviamente,fatti come bolzaneto e la diaz,dove una mia amica assolutamente innocua che aveva la sola colpa di dormire lì ha ricevuto quattro punti in testa e manganellate anche sul seno.quello che cerco di dirti è che mi sembra evidente che a genova la situazione era ttotalmente fuori dal nostro (manifestanti pacifici)controllo, la polizia non aveva ricevuto limitazioni ed era stata aizzata contro di noi tutti indifferentemente,e comunque dentro quella macchina non ci dovevano mandare un ragazzo di 23 anni ovviamente impreparato a scene di guerriglia urbana che, comunque,magari nopoteva sparare in alto fare marcia indietro e andarsene come poi ha fatto in 6 secondi dopo aver sparato(guarda il filmato se non mi credi!!!)Se in altre occasioni “chi la fa l’aspetti”(ma mai la morte, perchè allora dobbiamo anche essere a favore della pena di motre), a genova è stato del tutto casuale e fortuito che io, pacifica e assolutamente non violenta, non sia stata picchiata. e queste cose le hanno capite persino tanti genovesi anche anziani, che pur vedendo la loro città distrutta, hanno continuato sempre a distinguerci dai black block o chi per loro, tirandoci acqua e da mangiare dalle finestre!

  8. Tony Says:

    Nel mondo civile come lo intendo io, la libertà di pensiero e di espressione sono inviolabili. Quindi io penso e dico quello che cazzo mi pare, senza che tu o chiunque altro venga a dirmi che cosa dovrei o non dovrei pensare.
    Ciccina, se tra voi manifestanti (a parole tutti angioletti innocenti e pacifici) non ci fosse stata gente come Carlo Giuliani, non ci sarebbe stato nessun bisogno di ragazzi di 23 anni in divisa. Ma tu sai meglio di me che non era così.
    Perché quel filmato io l’ho visto centinaia di volte… e tra i DELINQUENTI che assaltarono il Defender in trenta contro due, di Black Bloc non ce n’era neanche uno. Quindi non venirmi a raccontare la storiella delle povere colombelle picchiate dalla Polizia fascista. Che sarà anche vero per molti, ma di sicuro non per quel teppista di Carlo Giuliani e dei suoi degni compari che quel giorno – purtroppo – l’hanno fatta franca.

  9. laragazzinacoicapellirossi Says:

    fammi capire quindi tu ammazzeresti (o faresti ammazare che è la stessa cosa solo più ipocrita)chiunque non si comporta bene??perchè se hai visto il filmato centinaia di volte concorderai con me che non si trattava di leggittima difesa,visto che dopo aver sparato la camionetta ha potuto fare (ribadisco in sei secondi!)marcia indietro contro i cassonetti,passare sopra il corpo di carlo giuliani e andarsene…è ovvio che puoi pensare quello vuoi, come io penso che un mondo civile non si regola con la legge del taglione,che placanica poteva sparare in alto e andarsene,e che ora sarebbe lui stesso più contento se avesse fatto così!

  10. Tony Says:

    No. Molto più semplicemente io ammazzerei chi cerca di ammazzare me, come faresti anche tu se ti trovassi nella stessa situazione.
    Sui fatti mi sembri veramente molto confusa; prima dici che il Defender se ne sarebbe potuto andare tranquillamente, subito dopo dici che per fare marcia indietro ha dovuto passare sopra il cadavere di Giuliani. Quindi fammi capire tu… la jeep avrebbe dovuto travolgere Giuliani (e tutti gli altri… se hai visto il filmato, saprai bene che attorno alla jeep c’era una trentina di persone)?
    Certo che Placanica avrebbe potuto sparare in alto, anzi secondo il regolamento avrebbe dovuto. Ma ti chiedo solo: tu avresti agito con lucidità se ti fossi trovata da sola, ferita, in mezzo a trenta persone che ti assaltavano?
    E concludo dicendoti che personalmente sono contento che tra un Carabiniere ed un teppista sia stato il secondo a lasciarci la pelle. Sai com’è, questione di scelte.

  11. laragazzinacoicapellirossi Says:

    se tu avessi guardato attentamente e veramentequel filmato(e mi viene il dubbio a questo punto!)avresti visto che, nonostante dietro avesse i cassonetti e sotto il corpo di giuliani, la camionetta in sei secondi ha fatto marcia indietro e se ne è andata.è successo tutto in pochi secondi subito dopo lo sparo, e sai com’è,subito dopo lo sparo tutte quelle trenta persone (che non erano a terra di intralcio alla camionetta) erano allibite e non si sono certo messe a ostacolare il defender da cui era appena partito un colpo di pistola!invece di dire che sono confusa guarda il filmato!!e concludo dicendo che io non voglio certo colpevolizzare placanica(che anzi mi fa pena e che non doveva stare là)e che io sarei stata moolto più contenta se il morto non ci fosse proprio scappato!

  12. Tony Says:

    Continui ad essere confusa… i cassonetti non erano dietro il Defender, ma davanti. Dietro c’erano i “manifestanti” che lo assaltavano, e come dici tu stessa si allontanarono solo dopo aver sentito lo sparo. Allora mi spieghi come avrebbe potuto fare il Defender ad andarsene, se Placanica non avesse sparato?
    Avresti preferito che non morisse nessuno? Beh, tu non puoi certo essere sicura che Placanica sarebbe sopravvissuto all’assalto, se non avesse sparato. Quindi, ripeto, dovendo scegliere tra i due, preferisco il teppista morto. Anzi, avrei preferito I teppisti morti; peccato che gli altri l’abbiano fatta franca.

  13. laragazzinacoicapellirossi Says:

    bravo,tanti complimenti!!!(questa tua ultima frase si commenta da sola)
    http://www.avvelenata.it/g8/carlo.html-guarda bene la sequenza e guarda anche quanti poliziotti spuntano a un certo punto vicino alla camionetta, e guarda anche nella foto 5,a che distanza stava carlo quado gli hanno sparato”nel momento in cui Carlo solleva l’estintore e sta per partire il colpo che lo uccide, si trova a circa quattro metri della camionetta. Questo vuol dire che il carabiniere a bordo sta per sparare – mirando deliberatamente alla testa di Carlo – senza essere particolarmente pressato da una aggressione ravvicinata o da situazione di rischio immediato per se stesso.”

  14. Tony Says:

    Complimenti a te, sei proprio brava a copiare le cose scritte da altri. Peccato che invece un tribunale abbia stabilito proprio il contrario. Ovvero che Placanica si trovava in un’ovvia situazione di rischio immediato.
    Come è ovviamente chiaro vedendo le immagini… chiaro a chiunque, tranne alle persone come te che (chissà perché) vanno avanti a cercare di difendere gli atti di quella teppa da quattro soldi.

  15. laragazzinacoicapellirossi Says:

    1-la frase l’ho messa infatti tra virgolette,visto che a parole mie avevo già cercato di spiegartelo!
    2-il fatto che trovo agghiacciante che un ragazzo sia stato assassinato non significa che stia difendendo le sue azioni o quelle di altra “teppa”
    3-invece di insultarmi con quest’aria di sufficenza rispondi alle mie domande e spiegami tu che sei così bravo i motivi di chiaro ed evidente pericolo che possano giustificare un colpo di pistola alla testa visto che:
    1-vicino c’erano uomini armati di tutto punto pronti ad accorrere in meno di un minuto in aiuto della camionetta e,come si vede dalla foto carlo giuliani era lontano qualche metro dalla camionetta.Ribadisco che secondo me carlo non ha fatto bene, ma non per questo si meritava di essere ammazzato!!!!è questa la cosa che tu sostieni e che io trovo disgustosa e incivile!

  16. Tony Says:

    Cara ragazzina, se devi usare delle fonti almeno cercane di attendibili. La pagina che hai linkato infatti non è altro che un vergognoso tentativo di stravolgere fatti noti a tutti. Leggendo le didascalie, è evidente che si voglia far credere che fosse stato il Defender ad aggredire i manifestanti, e non viceversa come mostrano le immagini stesse.

    La sequenza fotografica, tagliata ad arte, “dimentica” di mostrare il momento immediatamente prima dello sparo, quando Giuliani aveva l’estintore sollevato sopra la testa. Perché quella foto manca? A che distanza era Carlo dalla jeep in quel momento? Eppure quell’immagine esiste, l’abbiamo vista tutti nel video e dall’angolazione giusta; Carlo si trovava a poco più di un metro dalla jeep.

    Questo lo mostra anche una foto della sequenza, dove il corpo di Carlo si trova a pochi centimetri dalle ruote posteriori della jeep che, come dice la didascalia, “in quel momento era ancora ferma contro il cassonetto”.

    Gli altri Carabinieri, dici tu, avrebbero potuto intervenire “in meno di un minuto”… se hai visto il video, sai bene che l’intera sequenza mostrata dura meno di dieci secondi.

  17. Tony Says:

    Lasciamo perdere poi le vergognose menzogne del tipo “Carlo voleva usare l’estintore per disarmare il Carabiniere”… una frase del genere è un semplice insulto all’intelligenza, e solo chi cerca in malafede di difendere le azioni di quel teppista può affermarla seriamente.

    Comunque, al di là del fatto se Carlo “meritasse” o meno di morire, rimane il fatto che se l’è cercata. Era semplicemente un criminale che è stato ucciso dalle Forze dell’Ordine mentre commetteva un crimine, come succede a molti altri criminali come lui. Dubito che qualunque “moviola”, specie se montata ad arte, possa cambiare questo.

  18. laragazzinacoicapellirossi Says:

    daccordissimo con te che alcune di quelle didascalie siano ridicole, ti ricordo che però la sequenza fotografica è la stessa pubblicata du repubblica e la stessa che ha fatto il giro dei media.quello che io continuo a contestarti sono tre cose:1-non si è trattato di legittima difesa, ma di un momento comprensibile di panico in cui placanica ha forse perso lucidità(per questo dico che ci doveva essere al suo posto qualcuno di più esperto e preparato)
    2-il tuo ragionamento da “legge del taglione”, per cui se io commetto un crimine tu mi ammazzi (ti sembra civile?utile a ridurre la criminalità?educativo?)…
    3 MOLTO IMPORTANTE dietro la repressione di genova c’era un atto politico, come dimostrano le cariche e i massacri anche a chi non se l’è affatto cercata ma semplicemente manifestava(quindi non i black blok e non la “teppa”delle foto),e come dimostrano i fatti (se vuoi ancora più gravi dell’assassinio di giuliani) della diaz e di bolzaneto!quindi ridurre genova a “dei criminali ragazzini che sfasciavano la città e mentre la polizia la difendeva ne ha ucciso uno” è estremamente riduttivo e ingiusto e molto,moolto comodo

  19. Tony Says:

    La sequenza, come ti ho detto, è volutamente incompleta. Mancano le immagini subito precedenti lo sparo, quando Giuliani teneva l’estintore alto sopra la testa. Ti sei chiesta come mai mancano?

    Comunque passo a risponderti punto per punto:

    1. Per quanto mi riguarda, e per quanto riguarda anche la giustizia, se tu vieni aggredito da trenta persone contro uno e per reagire spari, è legittima difesa eccome. Il fatto che in quel momento Giuliani non fosse il “più pericoloso” tra quei trenta per me è totalmente irrilevante. La pallottola se l’è presa lui come avrebbero potuto (anzi, dovuto) prendersela gli altri, ma di certo lui non era estraneo all’aggresione come qualcuno vorrebbe far credere.

    2. Il punto non è l’utilità o legittimità della pena di morte, non è questo l’argomento. Giuliani non è stato arrestato per aggressione e poi ucciso; ha scelto di aggredire un Carabiniere armato e ci ha rimesso le penne. Ripeto, se l’è cercata. Non capisco cosa ci sia di strano, se decidi di commettere un crimine devi farti carico delle (eventuali) conseguenze.

    3. Dubito che ci fosse questo “disegno politico” di cui parli, rimane il fatto che se a Genova non ci fossero stati i manifestanti non ci sarebbe stato nessuno scontro. Sicuro che ci sono finiti in mezzo anche molti che magari non c’entravano niente… ma di questi mi interessa proprio poco. Nessuno li ha obbligati a venire a Genova dove si sapeva che ci sarebbero stati scontri, visto che proprio tra i manifestanti c’era chi li aveva anticipati. Anzi, addirittura promessi.

    Se poi i manifestanti “pacifici” e “innocenti” erano tutti come quelli di Piazza Alimonda…

  20. laragazzinacoicapellirossi Says:

    1 e 2-certo che bisogna prendersi ogni responsabilità quando si fanno cazzate o si commette un crimine!ma questo non significa che sia civile, secondo me, applaudire alla morte di un ragazzo,anche se era nel torto
    3-quindi in sostanza ce la siamo tutti cercata no?certo che nessuno ci ha obbligati ad andare, ma in un paese democratico spererei di poter manifestare liberamente per le mie idee senza il rischio di essere caricata e picchiata a sangue-chiedo troppo secondo te??e lo sai benissimo pure te che c’erano tanti manifestanti assolutamente innocui e pacifici!!

  21. Tony Says:

    Certo che ce n’erano. E c’erano tantissimi che hanno manifestato, pacificamente e civilmente, senza che nessuno pensasse neanche lontanamente di caricarli o picchiarli a sangue. Come ad esempio il corteo dei CUB, a cui avevano partecipato moltissimi miei ex-colleghi, che si era svolto senza disordini di nessun tipo.

    Poi ci sono stati altri cortei, che si sono presentati in assetto di guerra, cercando di forzare i blocchi di Polizia e di entrare nelle zone interdette. E in quei casi, se le ha prese anche qualcuno che magari non c’entrava, al massimo mi può dispiacere per lui… ma tirare in ballo “disegni politici” o la democrazia solo per nascondere le responsabilità dei manifestanti, semplicemente mi sembra una stupidaggine detta in malafede.

    Se ti unisci ad un corteo dichiaratamente violento, anche se tu personalmente non fai niente di male, ci sta che prendi le botte. E se vai oltre e attacchi le Forze dell’Ordine, ci sta anche che ti prendi una pallottola. Senza che per questo sia giusto “santificarti”.

  22. laragazzinacoicapellirossi Says:

    ..poi ce ne sono stati altri pacifici e meno fortunati dei tuoi ex-colleghi, che hanno preso un sacco di botte senza che tra loro ci fosse nessuno in assetto da guerra!e dire che è sbagliato che ti becchi una pallottola non equivale a “santificare”!

  23. Tony Says:

    Sai qual è il problema, ragazzina? Che le persone che mi parlano di “manifestanti pacifici ed innocenti, picchiati senza motivo”, spesso sono le stesse che mi parlano del “povero Carlo Giuliani pacifico ed innocente, ucciso senza motivo”.

    E se mi permetti, in questi casi è lecito pensare che il metro di giudizio del “pacifismo” e della “innocenza” sia lo stesso… è questo che dopo tre anni continuo a non capire: i manifestanti che erano VERAMENTE venuti a Genova con intenti pacifici, secondo me dovrebbero prendere le distanze da Carlo Giuliani e dai suoi compari di Piazza Alimonda. Così come ogni volta che si parla di Genova si affrettano a prendere le distanze dai Black Bloc.

    E invece questo non succede… si continua a strumentalizzare la morte di un delinquente qualunque, si parla di “omicidio di stato”, di tre o di quattro metri di distanza dalla camionetta, di lui che “voleva solo disarmare il Carabiniere”. e cazzate di questo genere.

    E tutte queste buffonate fanno solo male al movimento. Perché ogni volta che si parla dei ragazzi innocenti picchiati alla Diaz o a Bolzaneto, a molti viene spontaneo dire “sìììì, innocenti come Carlo Giuliani…”

  24. laragazzinacoicapellirossi Says:

    daccordissimo con te(almeno una!)ma mi fa altrettanto imbestialire quando,ogni volta che si parla della diaz e delle torture di bolzaneto(perchè di questo si è trattato), a molti altri viene spontaneo dire”siii,tanto erano tutti teppisti…”!!

  25. Tony Says:

    Beh, per forza. Fino a quando certe persone continueranno a dire “Carlo Giuliani, uno di noi”, saranno in molti a trattarli come teppisti. Visto che Carlo era (senza ombra di dubbio) un teppista.

  26. Stratagamma Says:

    Cara ragazzina, dopo aver letto i tuoi pensieri così giovani e pieni di arroganza ti faccio una domanda.
    Come avrebbe agita qualsiasi Polizia straniera? Francese? Spagnola? tedesca, Inglese? rifletti e conta fino a 10.000 prima di sparare tu cavolate!!!

  27. primpri Says:

    complimenti.E a quando “per ogni carabiniere ucciso voglio 10 civili morti?”

  28. Tony Says:

    A quando? Dimmelo tu, primpri. Non sono certo io che ho “dichiarato guerra” alle nostre istituzioni. Saluti.

  29. Giustizia Says:

    Credo che quanto è successo quel giorno in piazza Alimonda, mentre Genova veniva messa a ferro e fuoco, non sia altro che la conseguenza dell’aver voluto a tutti i costi lo scontro con chi rappresentava le istituzioni di cui si possono condividere o meno le opinioni politiche.

    Ma se i manifestanti invece di fare soltanto danni avessero pacificamente “detto la loro” Carlo non sarebbe ancora vivo?

    E se si fosse astenuto dall’assaltare il defender dei Carabinieri?

    Allora la colpa non è di tutti quei “movimenti” che non hanno saputo o voluto calmare i loro aderenti, o peggio li hanno incoraggiati alla violenza invece di optare per una manifestazione pacifica??

    Tutto ciò mi fa odiare quelle persone che hanno scatenato tutto questo e dire, anche se mai l’avrei voluto fare,

    VIVA LE ISTITUZIONI,

    ABBASSO I MOVIMENTI RIVOLUZIONARI!

    Altro che Piazza Carlo Giuliani!

    La chiamerei PIAZZA DELLA GIUSTIZIA!

    Perchè alla fine era giusto che finisse così:
    se ci doveva essere un morto che fosse dalla parte di coloro che stavano agendo contro giustizia! Non tra coloro che stavano proteggendo la collettività.

  30. drdan Says:

    Finalmente qualcuno che la pensa come me su Giuliani & co….Continua così, Tony!!!!!!!!!

  31. Giovanni Says:

    Bravo Tony. Io purtoppo mi vergogno di essere italiano, ma sono contento che ci sia gente come te.
    Io aggiungo che i genitori di Carlo Giuliani andrebbero arrestati e fucilati. Perchè sono delinquenti in quanto difendono un delinquente. Oltre ad essere falsi.
    E poi spero che la Comencini muoia di un tumore al seno.

  32. Max Says:

    I genitori di Giuliani hanno reagito, immediatamente, in modo esemplare, salvo poi prendere poszioni che non condivido. Ma sono i genitori e li comprendo, senza per questo seguirli nei ragionamenti.
    Giuliani era un delinquente e se stava a casa o manifestava tranquillamente non moriva. Se ha attentato alla vita di altre persone è stata una scelta sua e libera, di cui ha pagato conseguenze estreme.
    Io mi vergogno di gente che si vergogna di essere italiana per partito preso, pur di diffamare chi non la pensa come lui, arrecando danni enormi all’immagine del Paese. Gente che avrebbe svenduto l’Italia al comunismo…di quella ci si deve vergognare.

  33. chiara Says:

    Io sn di genova, ora ho vent’anni. Quando ci fu il g8 ne avevo 15 .partecipai all’okkupazione della diaz. Quando sono stata portata in caserma i vostri amici carabinieri mi hanno strappato gli orecchini mi hanno pestata a sangue, minacciata di essere stuprata con i manganelli e toccata.
    Voi e loro siete solo fasci bastardi.

  34. Tony Says:

    Un vero peccato che però non ti abbiano insegnato a scrivere… a vent’anni scrivi ancora “sn” e “okkupazione”? Quand’è che impari un po’ d’italiano?

  35. Alex Says:

    Per caso sono entrato in questo “forum”,e devo dire solo una cosa:ricordando quei giorni nefasti,effettivamente è stata brutta solo una cosa:che di giuliani ce ne sia stato uno solo!!!E a tale chiara dico che,magari se ti avessero infilato non solo i manganelli adesso diresti meno cazzate di quelle che hai scritto…..Ed è giusto che noi carabinieri dobbiamo essere di destra(fasci mi pare troppo,ma certo di destra,anzi,per come scrivi tu abbreviato,dx),perchè solo lì c’è ordine e disciplina…..ora chiudo qui per non scadere troppo in chiacchiere insulse su quelle memorabili giornate di genova!

  36. ZoraN Says:

    tutti i capitalisti vanno in fondo un giorno….abbiamo una grande stima di tutti personi che sono stati a genova per scopoare i carabinieri. CARABINIERI = PROTEZIONE del CAPITALISMO

    non sono un italiano per questo non so scrivere coretto la vostra brutta lingua, scusi

  37. Tony Says:

    Infatti, non si è capito un cazzo di quello che hai scritto.

  38. stefano Says:

    certo che magari state girando in tondo….gli estremismi sia di destra che di sinistra non stanno bene da nessuna parte…..ad ognuno manca comunque il coraggio di scendere in campo a viso aperto… tutti conigli sotto un passamontagna, tutti pronti a scagliare il mitico sasso e a nascondersi tra la folla.
    sapete la soluzione qual’è?? autorizzare manifestazioni all’interno di stadi, opposte fazioni a mani nude ed a porte chiuse, con i tutori dell’ordine ad aprirle solo all’ultimo sopravvissuto….. sicuramente a queste condizioni ci sarebbero pochi conigli con il coraggio d’entrare a difendere le loro idee……..
    fortunatamente ancora si puo parlare di democrazia anche se qualche fatto di oggi magari lascia l’amaro in bocca….. ciao a tutti

  39. B e S Says:

    Giustizia per carlo giuliani!!!!!!

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.