Categories

Search

Guns and gossip

March 4th, 2005 by Tony

Mi è sempre piaciuto molto discutere in rete. Il confronto con chi ha idee diverse dalle mie mi stimola e mi diverte.

Ma c’è una cosa che veramente non sopporto: l’ignoranza. L’uso di luoghi comuni, leggende metropolitane, informazioni approssimative o addirittura inesatte, per sostenere le proprie tesi.

Un caso classico riguarda l’annosa questione sul possesso di armi negli Stati Uniti; moltissimi Italiani (in generale, moltissimi non-americani) sono ancora oggi convinti che negli Stati Uniti il commercio ed il possesso di armi non siano soggetti a nessuna regolamentazione. Il famoso mito che “in America un bambino può andare al supermercato e comprarsi una pistola”.

Credo quindi che la faccenda vada chiarita, una volta per tutte.

Le prime leggi emesse negli Stati Uniti per regolamentare il possesso di armi da fuoco risalgono al 1934. Ma fu nel 1968 che per la prima volta fu emessa una legge (il Gun Control Act), acora valida, che vieta esplicitamente la vendita di armi da fuoco ai minori di 18 anni, come anche a diverse altre categorie di cittadini.

Questa fu seguita nel 1994 dalla legge nota come Brady Bill, che sancisce altrettanto esplicitamente che:

“(1)It shall be unlawful for a person to sell, deliver, or otherwise transfer to a person who the transferor knows or has reasonable cause to believe is a juvenile–
(A) a handgun; or
(B) ammunition that is suitable for use only in a handgun.

(2) It shall be unlawful for any person who is a juvenile to knowingly possess–
(A) a handgun; or
(B) ammunition that is suitable for use only in a handgun.

For purposes of this subsection, the term “juvenile” means a person who is less than 18 years of age

(5)(A)(i) A juvenile who violates section 922(x) shall be fined under this title, imprisoned not more than 1 year, or both…

(B) A person other than a juvenile who knowingly violates section 922(x)–
(i) shall be fined under this title, imprisoned not more than 1 year, or both; and
(ii) if the person sold, delivered, or otherwise transferred a handgun or ammunition to a juvenile knowing or having reasonable cause to know that the juvenile intended to carry or otherwise possess or discharge or otherwise use the handgun or ammunition in the commission of a crime of violence, shall be fined under this title, imprisoned not more than 10 years, or both.”

Bene. Siete con me, fino ad ora? In tutti gli Stati Uniti è illegale vendere un arma da fuoco ad un minore di 18 anni, ed è illegale per un minore di 18 anni possederla.

E il famoso Secondo Emendamento?
Il cosiddetto “diritto del popolo di possedere armi, che non può essere infranto”?

E’ una questione che ancora oggi molti (Americani e non) considerano aperta a discussioni ed interpretazioni. Rimane il fatto che, giuridicamente, la questione è stata chiusa più di 60 anni fa.

Per la precisione, il 15 Maggio del 1939, quando la Corte Suprema degli Stati Uniti fu chiamata a deliberare sul caso Miller vs. United States, ove un cittadino arrestato per possesso illegale di un’arma si appellò proprio al Secondo Emendamento.

Cito testualmente dalla sentenza:

“In the absence of any evidence tending to show that possession or use of a “shotgun having a barrel of less than eighteen inches in length” at this time has some reasonable relationship to the preservation or efficiency of a well regulated militia, we cannot say that the Second Amendment guarantees the right to keep and bear such an instrument.

Certainly it is not within judicial notice that this weapon is any part of the ordinary military equipment or that its use could contribute to the common defense.”

La questione del possesso di armi da fuoco da parte di cittadini privati ovviamente non si limita all’analisi delle leggi. Ci sono molti altri aspetti, quali le usanze dei vari popoli, le circostanze, il tessuto sociale. E l’applicazione delle leggi stesse.

Ma prima di discutere di qualcosa, io preferisco sapere di cosa sto parlando. Tutto lì.

Posted in World Zap | 4 Comments »

4 Responses

  1. silvestro Says:

    tony, al mio ex vicino di casa, studente nell’università dove lavoravo, il padre gli ha comprato la pistola per i suoi 18 anni. da noi, se sei fortunato, ti comprano la macchina. ora, a parte il fatto che una macchina nelle mani di un diciottenne può essere ben più letale, è un pò inquietante non trovi?
    a questo punto vorrei sapere il perchè di questa violenza con morti ammazzati per rapina comune negli usa. però non mi si tiri fuori anche a me la leggenda urbana che a napoli o al laurentino 38 è molto peggio.

  2. silvestro Says:

    ok,ho letto meglio il post.
    non hai tutti i torti, sai che ti poni nel finale le stesse domande di moore?
    poi ti stupisci se i test ti dicono che sei un comunista

  3. Tony Says:

    Non ho capito… quali domande?

  4. silvestro Says:

    nel senso che non si può solo ricorrere all’argomento della diffusione delle armi per spiegare la situazione della criminalità in america. ma bisognerebbe analizzare anche altre cose come il sistema, i costumi etc., esattamente come accennavi tu alla fine del post e come ha accennato moore in bowling a colombine.
    comunista

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.