Categories

Search

La guerra dei bottoni

November 30th, 2004 by Tony

ja16.gif

Me lo chiedo sempre più spesso… ma dove si piazzano questi rigurgiti neo-femministi dell’ultima ora?

Che cosa vogliono queste novelle Giovanna d’Arco de noantri, pronte a scendere in piazza per valori irrinunciabili quali il vedere il proprio uomo che rammenda un colletto?

O meglio… queste erinni del nostro tempo nate nel secolo sbagliato, ce l’hanno un uomo? E se ce l’hanno, che vita di merda fanno questi poveracci costretti a subirsi una donna che riesce a fare un caso sociale dello svuotare la lavastoviglie?

Sono strano io, che a mia moglie che mi chiede di fare qualcosa in casa, non mi sognerei mai di dare una risposta del cazzo del tipo: “perché non lo fai tu, non è che ti sentirai meno donna, dopo”, oppure “guarda che non sono mica il tuo carpentiere”?

E’ strana lei, che si diverte a prendere in giro me per quella porta che sfrega contro il pavimento da due settimane, come mi diverto io a rinfacciarle quel bottone della mia camicia rimasto sul comodino per altrettanto tempo?

Sarà che noi sappiamo ridere sempre di tutto… sarà che per noi queste stupidaggini non sono importanti, ché i problemi della vita sono ben altri.
Sarà che io non ci vedo nulla di strano nell’usare quel “mi” che scandalizza così tanto le nuove pulzelle di Orleans, e trovo perfettamente normale dire grazie a mia moglie per la cenetta che “mi” ha preparato l’altra sera… certo che la cena era per tutti e due, ma che cosa c’entra?

Sarà che tutte le cose che ho fatto io negli ultimi due anni le ho fatte per lei. Tutte, anche quelle che lei non ha visto, perché magari in quel momento era a casa, o al suo lavoro, o a curarsi del nostro bambino. A fare qualcosa per me.

Saremo strani noi.

Posted in World Zap | 4 Comments »

4 Responses

  1. Black Cat Says:

    Ma è perchè quando Tonino Guerra dice “Gianni l’ottimismo vola” in realtà non vuole dire Gianni, ma Giovanna (D’Arco)… che poi è finita al rogo… capito?? Miiiii che risateeeeee Marito accendi quel porco d’un telefono, che devo raccontarti cosa ha fatto TUO figlio stamattina I love you

  2. omix Says:

    Nel mondo c’è spazio per tutti. Nel bene e nel male.
    Giovani celibi e nubili che leggete, non fatevi impapocchiare da crociate del cazzo lanciate da quattro represse, riunitesi nel nome di qualcosa che esiste solo nella loro mente crepata.
    Ho la fortuna di essere felicemente sposato da 10 anni, con tre figli meravigliosi e, pur con le piccole o medie crisi di un qualunque rapporto, la mia, pardon, NOSTRA vita coniugale è splendida.
    Il segreto? Comunicazione a 360 gradi e risate, sono i legni che tengono viva la fiamma.
    In un rapprto di amore o di amicizia, quando uno dei due si ferma a contare quanto ha dato e ricevuto, oppure a sindacare le virgole per tutelare la propria (????) autostima, significa che il rapporto è già finito.
    Non avrei mai sposato una donna così, fosse stata anche la più figa al mondo.
    Se al momento di preparare la cena (che la prepari io o lei non cambia)mi mettesse su pretestuosamente una Tribuna Politica su argomenti come questo, le tirerei una pirofila appresso.
    Se invece fossi io ad essere irrispettoso con cattiveria, lei lo capirebbe e -giustamente- la pirofila me la tirerebbe lei.
    Non fatevi coinvolgere dai problemi (seri) personali di altri, vivetevi i vostri.
    Una donna che sia tale sa quando e come tutelarsi, se lo ritiene opportuno, senza che un gruppetto di lesbiche scenda in piazza a dirle come rovinarsi la vita.
    PS: a casa mia abbiamo ancora tutte le pirofile intatte.
    Mio fratello, purtroppo, ha sposato una di quelle scienziate del senso della donna e della femmina in questo mondo di merdosi maschi maschilisti e misogini.
    Risultato?
    quattro persone infelici, loro e i due figli, e un sacco di pirofile rotte…….
    E lei ha trovato un altro “stronzo maschilista”.
    Ma vaffanculo !!!!!

  3. phoebe Says:

    Guarda, sì, siete strani voi. A me è bastato vedere il ragazzo di mia sorella (22 anni lei, 26 lui) che le ORDINA di togliergli il piatto da davanti.

  4. omix Says:

    Vedi, Phoebe, secondo me non è un problema uomo-donna o maschio-femmina. E’ un discorso tra “persone”.
    Se mi avere accanto per la vita un padre-padrone, vuol dire che me lo merito e basta piagnucolare alla prima occasione per poi tornarci assieme come un cagnolino!!
    Cazzo, un pò di amor proprio. Quante amiche conosco in queste condizioni…. ho capito che aiutarle non serve a nulla: lo vogliono loro. Sarà quella la loro strada, oppure si sveglieranno (forse) una mattina tra cinquantanni a darsi della deficiente. Non so quale meccanismo spinga a cercare persone che ti mancano di rispetto o fanno soffrire, ma c’è e ognuno ne è responsabile in prima persona.
    Lo stronzo non è lui (che cmq lo è) ma tua sorella che non dovrebbe permettergli neanche di rivolgerle la parola e il piatto ce lo dovrebbe dare in testa (se lei lo volesse).
    E non ditemi che l’amore è cieco, per piacere !!
    Una cugina di mia moglie sta con tipo che le ha fatto terra bruciata attorno in questi 10 anni: università, lavoro in radio, tutti gli hobbys e le passioni… o me o il resto. E lei, nonostante ci fossimo permessi di consigliarla diversamente allora, sceglieva sempre lui.
    Ora lei è molto cambiata. Lui le ha tagliato le radici del nutrimento, è seccata spiritualmente, era dolcissima ed ora si è incattivita.
    Pensa che un giorno lui le disse: “Io sono felice se tu NON lo sei.” Ma via, cazzo !!!! Svegliatevi. Poi andate a rompere i coglioni al bravo compagno che vive per voi e che, se sbaglia a dire “casa MIA” viene fucilato seduta stante.
    Rendetevi conto……..

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.