Categories

Search

Le marionette della “pace”

September 14th, 2004 by Tony

Cacchio, ogni volta ci casco di nuovo.

Discussione su un Forum… alle 17.25 il mio interlocutore scrive:
“…prima dell’intervento in Irak il mondo soffriva di meno il pericolo del terrorismo, quindi questo strumento, fino ad oggi non è servito”.

Stesso utente, ore 20.13:
“Lo so bene che questa non è una guerra al terrorismo ma infatti ti ho subito fatto notare come bisognasse usare con cautela il termine terrorismo, del quale oggi se ne abusa abbondantemente e spesso lo si fa per giustificare politiche economiche ed espansionistiche di governi più forti militarmente.”

Ancora lui, ore 23.09:
“Non sono io a dover giustificare il perchè la guerra al terrorismo condotta in Irak non ha portato i frutti sperati..”

Non c’è niente da fare… la causa “pacifista” impone di affermare che l’intervento Americano in Iraq non è riuscito a sconfiggere il terrorismo; che “il terrorismo non si combatte con le bombe, ma cercando di capirne le ragioni”.

E allo stesso tempo impone di affermare l’esatto contrario, ovvero che l’intervento Americano aveva motivazioni economiche che nulla avevano a che fare con il terrorismo; che Bush ha mentito al mondo e che il suo unico interesse erano i pozzi di petrolio di Saddam.

Poco importa che le due affermazioni siano in totale contraddizione tra di loro; questi piccoli robot continueranno a sostenere l’una e l’altra, a seconda di quello che richiede in quel momento la discussione. D’altra parte è così, sono tutte e due giuste. Una nega l’altra, ma sono giuste lo stesso. Lo ha detto anche Michael Moore.

E stupido io che continuo a discutere con certa gente. A volte farei meglio a scambiare e-mail con un servizio a risposta automatizzata… otterrei sicuramente una maggiore coerenza.

Posted in World Zap | 16 Comments »

16 Responses

  1. gaspare Says:

    perchè per loro il passaggio è: 1) il terrorismo lo devi capire, discuterci e giustificarlo…
    2) l’america dopo le torri gemelle doveva starsene buona, anzi inviare dei missionari di pace, meglio ancora calarsi le brache, e parlare con i terroristi (in fondo se San francesco ocnvertiva i lupi, perchè non convertire i terroristi??).. in fondo chje ci vuole?? basta abbracciare la loro religione e siamo a posto…
    3) s eproprio l’america deve bombardare qualcuno, almeno che bombardi gli israeliani che sono brutti e cattivi…l’ho visto nel film di mel gibson… ed ecco tutto dimostrato…
    Ma tu non potrai mai capire, perchè sei un guerrafondaio razzista nazista comunista (si, sono in contrapposizione, ma il mio parroco di fiducia e contro la guerra e mi hanno detto che i comunisti non vogliono la religione…e allora sono cattivi…)..
    Ovviamente il mio commento è ironico enon vuole offendere nessuno…ne tantomeno minacciar enessuno… se qualcuno si siente offeso o minacciato sappia che non era mia intenzione e anzi gli offro qualcosa da bere al bar così facciamo la pace…

  2. Tripudiatore Says:

    Dai Gaspare, stai no a dir cazzate come il tuo punto uno. Soprattutto, togli “giustificarlo”, perchè dimostri di non aver capito proprio un tubo di quello che LA MAGGIORANZA della gente va dicendo. Scusa, ma di ironia ne ho vista poca ;)
    Le due cose che riporti Tony non sono in disaccordo: sono due cose distinte. E’ stato un errore far nascere una guerra per sconfiggere il terrorismo (che poi, Afghanistan e Iraq son pure due cose diverse, ma qui si va sul sottile, lo ammetto), ed è stata una balla mascherare gli interessi economici con la guerra al terrorismo.
    “Cronologicamente”, la seconda viene prima della prima: voglio il petrolio, gli faccio un culo tanto inventandomi che hanno armi di distruzione di massa, e con la scusa che sto combattendo il terrorismo metto a posto le coscienze di chi perlomeno crede nello scopo ultimo di una guerra per riportare la Pace.
    Son due cose diverse, non c’è incoerenza. E se c’è, dammi ilnk a quel forum o spiegamelo, perchè davvero non la trovo.

  3. gaspare Says:

    era ironico quando davo a tony del guerrafondaio ecc. ecc. e quando dicevo di bombardar eisraele… per il resto che dire??? come vedi nell’ordine cronologico dei punti da me elencati, bene o male sono sulla tua lunghezza d’onda..però a me non convincono… insomma ma davvero pretendevamo che gli americani, dopo le torri gemelle subissero in silenzio??? inoltre l’attentato era stato pianificato ben prima della presidenza bush: non è unc aso che il terrorismo islamico si sia rafforzato negli anni di clinton, quando clinton stava ritirando le truppe usa dal mondo e anzi sembrava che la’merica si disinteressasse del resto del mondo… l’attacco all’iraq, lo giustifico: ha rovesciato saddam, e sta togliendo una base ai terroristi: renditi conto, caro trippe, che una volta conquistato l’afghanistan i terroristi fanno armi e bagagli e vanno a ricominciare altrove, ma se tu gli bruci le possibili basi, ecco che allora non hanno appoggi per continuare la loro guerra…. rendiamoci conto di una cosa: la minchiata della guerra per il petrolio è appunto una minchiata: non nego gli interessi economici, ma dfa qui a dir eche lo scopo ultimo sia il petrolio è molto riduttivo: in agosto il petrolio ha toccato i suoi massimi storici…
    Gli americani vogliono andare su Marte per un motivo semplice: sfruttare le risorse di quel pianeta (non ridere, ma rifletti: non si vive solo di petrolio, ma anche di accio, metalli e altri elementi e minerali)… Se hanno già in mente Mart eperchè l’Irak?? Forse per pacificare un fronte quale è quello del terrorismo islamico.. e a questo punto è giocoforza la via della forza: la storia insegna: la jihad non l’abbiamo inventata noi, ma loro… coem fai a ragionare con chi pensa che sbagli a prescindere??? che tutto quell oche pensi, credi, fai è merda??? che sbagli solo perchè sei di un’altra religione epensi che le donne abbiano i tuo istessi diritti?? no caro trippe, la guerra è una brutta cosa, ma purtroppo in certi casi è necessaria…

  4. Tony Says:

    Mirko, “E’ stato un errore far nascere una guerra per sconfiggere il terrorismo, ed è stata una balla mascherare gli interessi economici con la guerra al terrorismo”… ma allora questa guerra è stata fatta per sonfiggere il terrorismo, oppure no?
    La storia della guerra al terrorismo è vera (e quindi è stata un insuccesso), oppure è falsa?
    Dimmi la prima cosa, e ti rispondo che non sono d’accordo.
    Dimmi la seconda, e ti rispondo che sono d’accordo.
    Ma se mi dici tutte e due le cose, che cosa devo rispondere? Come minimo ti rispondo che sei confuso.
    La discussione è sul Coacervo… ma ci tieni così tanto a partecipare ad uno scambio di vedute tra me e risiko?

  5. Tripudiatore Says:

    Azz! Si tratta di Risiko! Allora te lo lascio…

    Tony, lo sai che giocare con le parole mi piace.

    Sono due punti di vista diversi: il primo, di carattere generale (una guerra non uccide il terrorismo). Il secondo, prettamente relativo alla situazione in oggetto (una balla per farsi avallare una guerra contro l’Iraq per interessi economici). Le due cose non sono in disaccordo, e sono entrambe successe. Chiaro che, se come in questo caso, una cosa nasce da una bugia (non c’erano le armi di distruzione di massa), filologicamente anche il risultato non può essere collegato alla ragione che l’ha fatta nascere (la presenza di armi = minaccia terroristica al mondo) e quindi mi puoi dire che le due cose sono in disaccordo.
    Chiaro che se parto dal presupposto che A è minore di B e B è minore di C, per la proprietà transitiva anche A è minore di C. Ma questa non è matematica, si parla di principi e di politica, due cose che non seguono mai una linea retta.
    Ma chi si dice per la pace, lo dice non solo relativamente a QUESTA guerra, quindi entrambe sono vere e non in disaccordo. Da qui si potrebbe partire con altri esempi di altre guerre, ma non mi sembra il caso onestamente…

    Gaspare: primo, non ci sono prove concrete che il terrorismo sia aumentato durante il mandato di Clinton. Inoltre, per organizzare una rete terroristica a livello mondiale non bastano 4 o anche 8 anni: mi sembra ovvio. Perlomeno, ci vogliono appoggi di più lunga data. A volerla dire tutta, e palesando quelli che si sa e non quello che di desume, i soldi di Osama e dei talebani sono stati abbondantemente rimpinguati dalle casse americane e della famiglia Bush. E questa non è fantapolitica. Hai ragione, la guerra non l’hanno fatta solo per il petrolio: Bush è stato eletto con l’appoggio delle lobby dei costruttori di armi, ed una guerra di certo ne aumenta il consumo. Tra parentesi, è di oggi la notizia che Bush ha lasciato scadere un divieto durato 10 anni sulla vendita delle armi automatiche: che voglio dire, chi non si sentirebbe tranquillo con una mitragliatrice in mano ad ogni vicino di casa, e sapendo che un mezzo delinquente la può acquistare liberamente per liberarsi completamente dell’etichetta di “mezzo”? E si ritorna alle lobby… “ops, scordato…”

  6. Tripudiatore Says:

    Proca troia non mi ha pubblicato tutto il commento!!!
    Ok, mi arrendo. A Gaspare riscriverò in altra sede semmai

  7. Black Cat Says:

    Trip, se metti il segno di maggiore o minore Movable Type riconosce una tag, quindi tenta di decifarla. Comunque… spetta che vedo se si può fare qualcosa che se è in memoria te lo ripubblico io. :)

  8. Tony Says:

    Il problema è proprio quello, Trip… se tu prendi un concetto di carattere generale, e lo applichi su un fatto particolare in cui non è applicabile, e non ti accorgi che facendo questo ti contraddici, non sei un essere pensante, ma un pappagallo da slogan.
    Siccome tre anni fa si diceva che “una guerra non distrugge il terrorismo”, si ripete la lezioncina a memoria anche oggi che il concetto non trova più riscontro nella realtà. Ed è questo che mi irrita, parlare con persone che invece di ragionare su quello che dicono, ripetono frasette preimpostate. E non sono pochi, fidati.

  9. Black Cat Says:

    Io lo avevo già ripostato. Se non ti fidi del webmaster e fai di testa tua ti cancello il blog. Che tanto io son razzista e collaboro con Feltri, tsk.

  10. Tony Says:

    In merito a quello che hai risposto a Gaspare, invece… è vero che per organizzare una rete terroristica ci vogliono anni, è ovviamente altrettanto vero che ci vogliono anni per smantellarla. Quindi io, ragionando serenamente, non me la sentirei di dire che “la guerra non sconfigge il terrorismo”, in ragione di soli due conflitti di cui uno con il terrorismo c’entrava come i cavoli a merenda.

    Poi un giorno qualcuno mi spiegherà, se Bush era così amicone e partner in affari di Osama e dei Talebani, per quale motivo gli ha dovuto fare una guerra per costruire il suo oleodotto… perché Michael Moore non è che lo abbia spiegato, sebbene una buona metà del suo film sia basato su questa teoria…

  11. gaspare Says:

    una rete non si costruisce in 8 anni??? dipende… intanto loro si possono essere appoggiati al terrorismo palestinese… inoltre si sono avvantaggiati dei loro ocntatti “familiari”… senza contare degli appoggi in certi ambienti…
    Quindi una rete si può costruire…a questo aggiungi i soldi di osama (che era ricco di suo…).
    Che magari gli USA hanno foraggiato a suo tempo i talebani contro l’URDD in afghanistan o Saddam contro Khomeini, è assodato. Ma è una vechcia tattica di guerra: i russi lo hanno fatto ocn il vietnam e mi fermo qui, perchè potrei citar eesmpi a iosa.
    Ma poi, l’alternativa quale era??? lasciare in pace Saddam, che amgari dava asilo ai profughi talebani dall’afghanistan…
    rendiamoci conto di questo.
    Quale era l’alternativa??? Che dopo l’11 settembre ci si dimenticasse di tutto e buona notte al secchio???

  12. gaspare Says:

    Il seguente commento è stato preventivamente approvato dai padroni di casa…

    :ironicmodeon: ma tanto tu queste cose tony non le puoi capire… mi ricordo di te prima che tu fossi perso in questa spirale di odio e di violenza e di razzismo…ma ormai purtroppo anche i biscottini, che prima erano buoni, ora sono cattivi e tu queste cose non puoi capirle, perchè sei solo soletto e mica hai una moglie simpatica e un figlio meraviglioso, una madre simpatica, un fratello pure simpatico e una sorella gnocca (ora mi uccide di sicuro)…. nonono..tu non hai una bella famiglia….e queste cose dei pacifisti che andranno in paradiso, mentre tu andrai all’inferno, non le puoi capire…
    per chi legge: sappia che il mio è un commento ironico (sperando che il proprietario di casa non mi uccida….)

  13. Tripudiatore Says:

    Questo è può essere vero, ci potrebbero volere anni per vedere risultati: questo te lo concedo.
    Però a distanza di mesi dall’inizio, non solo non se ne vede la fine, ma le cose stanno tornando indietro: l’esercito americano/inglese/echipiùnehapiùnemetta ha “restituito” città alla guerriglia, che si è intensificata.
    Combattere con le armi chi non ha paura di farsi esplodere non mi sembra efficace, ed i risultati non mi sembrano soddisfacenti.
    Risiko non lo cago più per principio, ma resta il fatto che se si parla di una cosa vedendola da due punti di vista differenti, non si può giudicare il risultato con una unica sentenza.

    PS: Grazie gatta, ora ho capito. MT non accetta linguaggi matematici! :D

  14. Tony Says:

    Trip, io quando ho detto che potrebbero volerci anni, mi riferivo alla guerra contro il terrorismo… e tu mi rispondi parlandomi dell’invasione dell’Iraq. Va beh, questa discussione è ritornata al “VIA” senza neanche prendere le 10.000 Lire.

    Comunque, visto che combatterli con le armi non sembra efficace, proveremo a portargli un mazzo di rose… d’altra parte su Macchianera hanno consigliato a mia moglie, per la prossima volta che uno zingaro la scippa, di ringraziarlo. Quindi non mi stupisco più di niente.

  15. Tripudiatore Says:

    Allora mi sono espresso male: anche io parlavo della guerra al terrorismo. L’Iraq è un pò diverso: occorreranno anni per stabilizzare una situazione che di stabile ha solo il risontro nelle parole di Bush (ed ora, manco più in quello).

    Ci si vede la prox. settimana mi sa. Porto una molotov, in ricordo dei vecchi tempi :D

  16. pork intruso Says:

    gli usa si sono autorganizzati un attentato per giustificare la guerra

    blair ha fatto altrettanto per appoggiare bush

    gli spagnoli si sono fatti saltare in aria per giustificare la vile ritirata

    i genovesi si son messi a ferro e fuoco la città per far fuori quel fesso di giuliani

    casarini è in realtà bossi travestito, con lo scopo di far passare tutti i no global per pirla……

    …. no,…. forse……. i no global sono in realtà dei nazi travestiti, con lo scopo di far passare tutta la sinistra per un branco di poveri coglioni……

    …ma no…., forse……, la sinistra è un’invenzione del berlusca…..

    ?

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.